Un ricordo in versi: "El teramoto" di Basilio Finetto dei Rosini

 

Don Basilio Finetto dei Rosini, agli inizi del Novecento, scrisse una serie di testi dialettali in versi che raccontano episodi di storia della sua famiglia, del paese e dei suoi abitanti.

In una parte di essi narra i momenti delle forti scosse di terremoto del 7 giugno 1891 e le reazioni dei Tregnaghesi. 

 

EL TERAMOTO

Me cugina amalà - El spavento de la Contrà - La Comission

Le conseguenze - La migrazion in Mérica - Mali e speranze

 

In medo a ste tompeste de dolor,

che i colpi de canon no i area sfantè,

parche ghe entràa la causa del’onor,

lassù ai Fineti semo stè ciamè,

parché ‘na me cusina era amalà;

ma per quel mal no la sarea mancà.

 

El mal 1’è stà, che dopo vinti dì

à comincià a tremar la casa, i leti,

i veri, e dò in cucina in chi e de lì,

seci, paròi, padèle e scaldateti

i se batèa tra lori, e sora e soto

tuti scapàa zigando: el teramoto!...

 

Quando 1’à visto e 1’à sentù la casa

scricolar, o anca in parte screpolàrse,

e per de più che sola era rimasa

l’à cominçià à zigar, a desperarse.

So mama 1’è andà su, e in te ‘na brassà

fin do in te l’ara la ga g’à portà.

 

I bo’ in le stale i urlava, i muli, i mussi

de qua, de là i saltàa, bajava i cani,

le ròndene svolàa fora de li ussi,

e le rondàa con svoli strambi e strani,

i usei scapàa dal nïo tuti spaentè,

e le galine tute s’ èa sbandè.

 

Tuti i çercava de salvar la pele;

i andava in casa, come de scapon

per ‘narse a tor i soldi e le cartele,

e l’oro de le dòne; e se un tremon

i se sentèa de drio, zò per le scale

i se slanzàa, façendose anca male.

 

Gh’è stà de quei che j era sul granar

per insacar del gran de la polenta,

e quando che i sentèa apena scorlar

i copi, i travi, i sachi de polenta

i rugolava doso dal balcon,

zigando spaventè: mio Dio, pardon!

 

Le dône zò in te 1’ara le cìapàa

lenzoi, forete, coèrte, valanzane,

lardi, salàdi, pan, che ghe butàa,

dal balcòn i marì co le so mane,

e quele che g’aveva pi da far

j era le dône in stala e sul granar.

 

Le pègore, i vedéi, e i so agneleti,

el porselèto, i ovi, e le galine,

tegnendo streti in brasso i buteleti,

le j è volea salvar; da le cuçine

le portàa fora in prèssia le ramine,

e quel che le podea, con do fasçine.

 

I zovenoti j era èdò in te i pré,

che i cominçiava a far de le barache,

piantando legni grossi e ben lighé

con de le store e fasçinoti; e strache

le lavoràa a ponciàre le butele

per coèrzer le barache con le tele.

 

E tuti i se fasea qua e là casoti,

per metre drento le so pore bestie,

e i j è coerzèa de paja, o de canoti.

Per darghe da magnar a le so bestie

i fase a risci su per i fenili,

senza badar a ci ghe dàa consili.

 

Le case un po’ per volta i j éa vudè

e lì viçin mucià tutta la roba,

e da le case tuti era scapè,

parche una i la vedeva far la goba,

quel’altra la pendèa, tute crepè,

e tuti i j à lasse disabitè.

 

E quando che i sentèa quei gran scurloni,

che i g’ à durà per pì de trenta dì,

i se butàa par tera in ginocioni,

guardando a le so case, in riscio lì

de deventar un mucio sol de pière,

mentre i mandava al Çiel le so preghiere.

 

E fati dei casòti, i s’ea scavà

come de le fornèle, e là i faséa

la so polenta, e tuti i gh’èa imparà

a magnar corghè in tera, e no i volèa

manestra, ma i magnàa polenta e pan,

tegnendo el so magnar ben streto in man.

 

I dormèa in tèra soto a de le tende,

che i s’avea fato lori coi ninzòi,

con store, con coverte, ben s’intende,

che i g’avea lori, e che era anca, po’, soi;

parché i socorsi che i g’avù da fora,

j è egnui dopo tri dì, e dopo carche ora.

 

I g’à porta barache, tende, pan

con altre robe tute da magnar.

La Comission la ardà tuto el malan,

la g’à ordenà de chi, de là, de far,

de pontelar, de esaminar pulito

le case, da la càneva al sofito.

 

I à tolto dò, i g’à scrito, e po’ segnà

sui muri de le case çerti sfrisi;

e po’, de chi, de lì i g’à dimandà...

ma in te sta confusion, j era indiçisi

tel dir, tel far, tel consegnar i boni,

parché j era spaentè da quei scurloni.

 

E per far presto, e ‘nar via dai Fineti

a tuti i g’abù dito: egnì dò in piazza

de Tregnago, e farèm tuti i prospeti

dei dani che gh’è està. E po a tuti in fazza

i ghe disea: ma sì, gavarì tuto...

e el tuto, in fin, g’avù poco costruto.

 

Parchè no i g’abù dà che poco, o gnente,

e se la g’à volù ‘nar drento in casa

tuta sta bona e desgraziada gente,

la g’à dovù giustarse la so casa;

che se cossi no i ‘vesse fato, çerto,

che ancora i sarea tuti a çiel scoverto.

 

La carità del dì de ancò, purtropo,

l’è come un saco sbuso senza fondo,

no la g’à pì el poareto per so scopo,

ma tuti i g’à per fin primo e secondo,

de farse ben la mànega par lori,

e de rangiàrse ben sui so läori.

 

Per questo no i la ciàma carità,

ma col so nome de benefiçenza

i g’à prova, quel che ela 1’è in realtà;

e ci no ghe n’ à bù, i g’à fato senza

per forza, e alora: ci g’à bù g’à bù,

i dise, che i disesse contr ai più.

 

I ciacolàa de sora e po’ de soto,

che j era mal contenti i povareti,

come no i avesse avù né el crùo, nè el coto.

El pezo po’ 1’ è stà per i Fineti,

che j è restè co le scarsèle sbrise,

e i g’à dovù magnar le ùltime brise.

 

E per pagar ci gh’ea imprestà dei schèi,

parte j è andè su in Prussia in tei lavori,

e parte j è emigrè coi so butei

la dò in Brasile, dando in man dei siori

quei quatro campi, che i g’à bù dai veci,

strussiando, per magnar duri radeci.

 

E le fameje vece, o tute o in parte

j è andè ruinade; o le g’à ancor ‘na coa,

che a sdebitàrse ben, gh’è olù de l’arte

e de l’industria, e i g’à metù a la proa

la fame, el sôno, e tute le fadighe,

che un omo el pol portar con tante brighe.

 

L’è vera, che in dies’ani ghe n’è stà

de quei che vegnù in sù co le sterline,

e campi e boschi e prà i se g’à crompà;

ma ghe n’è ancora là, che i fa le mine

drento i monti, o viçin a quele fiame,

dove che i spurga el fero, o i côla el rame.

 

Ma ghe ne sta de quei che è morti là,

e i so Fineti, no i j è vede pì;

e quei, che spera de vegnèr in qua

i scrive quel che i g’à passa e patì

che se i l’avesse prima imaginà

in quei paesassi là, no i srea andà.

 

L’è vera, che po’ dopo s’à cambià i ani,

e le stjon j è ‘ne’ cossì cossì via via,

che mantegnù i s’à quasi tuti sani;

ma, ancò anca i fruti i g’à ‘na malatia,

che da prinçipio i dà a sperar assè,

e po, i se cata in tera mal maurè.

 

Ci sa, che forsi l’acqua de catrame

no i j è mantegna fermi te i so rami;

ma ghe bisogna spendre drio del rame

da scarsèla, pompàr, e, pori grami,

vénderli ancò, se ocòr, per pochi schei,

e no ciapàr le spese gna de quei.

 

Insoma, in fin dei conti la va mal,

e se el Signor no ghe la manda bona,

l’andarà pedo, e la sarà ‘na val

che s’à brusà, come disea me nona,

e dise tuta la Contrà, pianzendo

su le disgrazie, che se và seguendo[1].

 

[1] Il testo è tratto da B. FINETTO DEI ROSINI, Ai Fineti. Un tòco de storia de Tregnago, Giazza (VR) 1991, pp. 106-108.